giovedì 12 marzo 2009

Questione di motivazione


Sappiamo tutti come smettere di fumare non sia poi così difficile: lo è molto di più decidere di farlo.

Molti fumatori aspettano di "toccare il fondo", cioè di essere costretti a prendere questa decisione. Si può essere costretti da molti fattori: alcuni purtroppo negativi (salute, su tutti), altri positivi (sport, gravidanze, eccetera). 
Mi hanno sempre incuriosito molto anche quelli che smettono perché hanno avuto dei "segni rivelatori": un tale ad esempio avrebbe smesso di fumare perché, mentre stava dicendo no a una clinic anti fumo, il suo posacenere s'è improvvisamente spaccato a metà senza che nessuno lo toccasse (cito da Joel Spitzer). 

Confesso che anch'io per un certo periodo ho provato a smettere subordinando l'azione al verificarsi di una determinata condizione (sia di vita privata, che di lavoro: "se succede questo, è la volta buona che smetto di fumare"). Ebbene, ogni volta che lo facevo, quella determinata condizione non si verificava mai! Da una certa particolare angolazione,  insomma - il fumo - in pratica - mi stava mandando a pallino sia la vita personale che quella professionale. Scherzo, è ovvio. Ma fino a un certo punto.

È capitato che una delle condizioni si verificasse, ma che io rimandassi ugualmente l'azione di smettere, subordinandola al fatto di volere essere "sicuro" del verificarsi stesso. Ho capito finalmente che la tattica (e forse la stessa scelta) delle condizioni era solo un meccanismo di dilazione. Non volevo smettere, ma non lo volevo ammettere nemmeno con me stesso. Quindi costruivo questi castelli mentali sotto forma di "voto", contando sul fatto che non si verificassero mai le condizioni per smettere di fumare.

Non importava quanto quegli eventi fossero fondamentali per me: valevano meno delle mie care sigarette. Capire questa situazione (non ci voleva un genio, lo so) mi ha fatto finalmente agire.

Non importa la ragione per cui smettiamo. È importante smettere. Lo sappiamo benissimo: dobbiamo solo agire. 

Nessun commento:

Posta un commento

Sono ancora qui, felicemente non fumatore ormai da 8 anni, 4 mesi e 17 giorni.

Qualcuno mi ha scritto chiedendomi che fine avessi fatto e la cosa mi è garbata parecchio, lo confesso. Sono ancora qui, felicemente non f...