venerdì 3 aprile 2009

E ormai sono tre mesi...


Ho smesso da tre mesi. Il mio amico Massimiliano saprebbe certo come classificarmi (usa una scala basata sulle stelle: ..."simbolico!" per dirla alla Bisio).  Secondo la classificazione di WhyQuit invece sono passato da Green a Bronze. Spero sia un fatto positivo, perché così - a orecchio - non sembrerebbe.

Ho qualche crisi ogni tanto, soprattutto in momenti di stress. Ma non è voglia di sigaretta: è solo voglia di... meno stress! Se penso infatti all'azione di accendermi una sigaretta, oltre alle ben note motivazioni salutiste, ho ormai sviluppato un senso di avversione. Mi ricordo il sapore acre del fumo e mi risento la bocca impastata (scusate le immagini poco poetiche). Non mi attrae più. Il mio olfatto riconosce bene adesso se una persona vicina a me ha appena finito di fumare. Ho dovuto lavorare sodo di deodorante nel mio armadio perché alcuni abiti della scorsa stagione (puliti!) odoravano ancora di fumo... Forse sto diventando un po' pedante.

A proposito di pedanti, credo abbiate sentito la notizia relativa alla famiglia che ha vinto una causa contro il  locale pubblico sottostante alla loro abitazione perché i clienti di questo fumavano troppo sotto le loro finestre (http://news.google.com/news?client=internal-uds&ncl=1290175898&hl=it.) All'inizio pensavo che fosse un po' eccessivo, poi mi sono ricreduto per quello che sento io al secondo piano quando qualcuno fuma nel cortile sotto casa. Mi sono immaginato fino a dieci, venti fumatori per volta per diverse ore al giorno... 
Certo che un risarcimento di € 10.000 non è poca cosa. Potrebbe diventare un lavoro: serve solo un naso elettronico che misura i fumi di tabacco nell'aria e - laddove si trova una situazione particolare - si aizzano i vicini per una class action.

Poveri fumatori, dove potranno praticare il proprio vizio ora? Pare che in Francia sia allo studio una legge che proibisca il fumo in ogni spazio pubblico (quindi sono comprese le strade). A questo punto ai fumatori non resterà che fumare nelle loro abitazioni: naturalmente con le finestre ben chiuse! Lo ha scritto Le Figaro, anche se in data 1 aprile...


Convinto di fare cosa gradita e non inutile (al limite, fatemelo capire), vi traduco la dicitura presente sul pacchetto di sigarette venezuelano della foto: "Questo prodotto è dannoso per la salute e dà dipendenza".

2 commenti:

  1. ANCHE IO HO SMESSO DI FUMARE(FUMAVO FINO A 40 SIGARETTE AL GIORNO) E QUANDO HO VOGLIA DI FARMI UNA SIGARETTA MI MANGIO UN BEL PANINO E SPARISCE TUTTA LA SMANIA

    RispondiElimina
  2. no non mangiare un panino.... pittosto bevi un bicchier d'acqua.... ciao

    RispondiElimina

Sono ancora qui, felicemente non fumatore ormai da 8 anni, 4 mesi e 17 giorni.

Qualcuno mi ha scritto chiedendomi che fine avessi fatto e la cosa mi è garbata parecchio, lo confesso. Sono ancora qui, felicemente non f...