venerdì 24 aprile 2009

Fumo passivo




Come ho già descritto in qualche post precedente, sono diventato un vero cane segugio per quanto riguarda il fumo di sigarette. 
Talvolta mi sembra di essere in grado di fiutare se il guidatore dell'auto che mi precede stia fumando... Mi accorgo subito se una persona che mi sta parlando ha appena fumato, se lo stesso hanno fatto i viaggiatori sul treno e così via. Forse sto diventando pedante. Però mi accorgo...

Il vero problema naturalmente non sta tanto nel cattivo odore del fumo di sigaretta, quanto nei suoi effetti venefici (non solo puzza, fa anche male!). 

Credo che una delle colpe peggiori che un genitore possa compiere nei confronti dei figli sia proprio quella di costringerli a inalare il fumo delle proprie sigarette

Non vivo sulla luna. Io stesso ho avuto una madre fumatrice e l'odore del fumo non era per me ripugnante. Quello che contesto è che con le informazioni e i dati scientifici che sono a nostra disposizione al giorno d'oggi si possa ancora commettere questa leggerezza. 

È già difficile fare il genitore oggi per questo mondo che sta divenendo sempre più complicato ogni giorno che passa. Aggiungere altri elementi di rischio che potremmo evitare mi sembra semplicemente criminale. Forse è solo questione di informazione o di cattiva volontà...

Il discorso potrebbe naturalmente diventare più ampio e coinvolgere chi bambino non è ed è costretto a subire il fumo passivo ugualmente. Ma mi fa piacere il pensare che - nella maggior parte dei casi - si può sempre cambiare stanza, fare sentire le proprie ragioni, reclamare con chi di dovere. La mia libertà inizia dove finisce la tua (e viceversa).

Le immagini di questo post sono tratte da una bellissima campagna britannica sull'argomento dei bambini e il fumo passivo. Non ho resistito, quindi ve ne propongo più di una per volta, contrariamente alle abitudini di questo blog. Se non riuscite a vederle bene, cliccatele: si aprirà una nuova scheda dove l'immagine è ingrandita. Lo slogan in inglese recita: "Il fumo passivo in casa causa il ricovero in ospedale di 17.000 bambini britannici all'anno".

1 commento:

Sono ancora qui, felicemente non fumatore ormai da 8 anni, 4 mesi e 17 giorni.

Qualcuno mi ha scritto chiedendomi che fine avessi fatto e la cosa mi è garbata parecchio, lo confesso. Sono ancora qui, felicemente non f...