martedì 7 luglio 2009

Divieti di fumo nel mondo


Una breve panoramica tratta da un articolo de "Il Secolo XIX" di ieri:

ll primo Paese al mondo a vietare completamente la vendita di tabacco è stato il Bhutan nel 2004, l’Irlanda invece è stata la prima in Europa a vietare il fumo nei luoghi di lavoro, sempre nel 2004; mentre gli Usa, Florida e California incluse, hanno introdotto un simile divieto nel 2003.


2004

IRLANDA E NORVEGIA Divieto in tutti i locali pubblici, compresi bar e ristoranti dal 29 marzo. Esempio immediatamente seguito dalla Norvegia il primo giugno.

ITALIA Ha una delle legislazione più rigide: gli scompartimenti per i fumatori sono stati eliminati dai treni a partire dal primo marzo 2004; e dal primo gennaio del 2004 la legge impone la creazione di spazi appositi nei bar e nei ristoranti.

STATI UNITI Le leggi contro il fumo sono molto rigide ma dipendono dai singoli stati federali. Nei ristoranti della California è vietato fumare ormai da 10 anni e negli ultimi anni il bando è stato esteso anche ai bar. Nello stato più ecologista del mondo non si può fumare neppure su alcune spiagge e per la strada a meno di sei metri dall’ingresso dei palazzi.

2006

SPAGNA Dal primo gennaio il divieto scatta in tutti i luoghi di lavoro, sia pubblici che privati, e nei bar e ristoranti.

BELGIO Vietato vendere sigarette ai minori di 16 anni dal primo dicembre 2005 e dal gennaio 2006 divieto di fumo in tutti i luoghi di lavoro.

SCOZIA Da marzo , niente fumo nei locali pubblici, pub, luoghi di lavoro e anche set televisivi, cinematografici e teatrali.

PORTO RICO E URUGUAY Il divieto riguarda tutti i luoghi pubblici a partire dal marzo.

NEPAL Da giugno vietato fumare nei luoghi pubblici, e pubblicità antifumo nei media del paese.

2007

FINLANDIA Niente fumo nei ristoranti e nei bar dal giugno 2007, istituite aree per fumatori dove però è vietato mangiare e bere.

ARGENTINA Primo divieto di fumare nei bar e caffé della capitale Buenos Aires

HONG KONG Il bando riguarda tutti i luoghi di lavoro, i ristoranti, parchi e spiagge. Esenzioni fino al 2009 previste per bar, saune, nightclubs e sale ricevimento.

INGHILTERRA Scatta dal primo luglio il divieto di fumare nei posti di lavoro, in tutti i locali pubblici e anche nei circoli privati.

GERMANIA Accordo fra i laender per vietare il fumonegli esercizi gastronomici più grandi, ma non nelle piccole birrerie di quartiere. In Germania ci saranno birrerie “no smoking” e birrerie con una “R” sulla porta che sta per “Raucher’’, fumatori.

FRANCIA Niente fumo dal primo gennaio nelle amministrazioni, negli istituti scolastici e sanitari, mentre per bar e ristoranti il divieto è scattato dal primo gennaio 2008.

PORTOGALLO Non si fuma in quasi tutti i locali pubblici con ammende molto salate per chi trasgredisce.


La foto è tratta da una campagna norvegese del 2004. Lo slogan significa "Pronto a smettere?"

3 commenti:

  1. Non diffondete falsità: in Spagna i locali pubblici si dividono in due categorie. Quelli più piccolo possono scegliere se essere fumatori o non fumatori segnalandolo all'ingresso in modo chiaro. I locali più grandi, se vogliono permettere il fumo, devono avere zone separate secon certi criteri.

    RispondiElimina
  2. Questa è civiltà, nel rispetto di tutti.

    RispondiElimina
  3. Carissimo anonimo delle 9:34 e delle 9:35,
    grazie per l'intervento, vorrei precisare però che:

    1. sono l'unico autore di questo blog e non immaginare cospirazioni di alcuna sorta. Se ho fatto un errore fammelo semplicemente notare, senza mettere in dubbio (almeno all'inizio!) la mia onestà intellettuale
    2. era citata la fonte delle mie informazioni; l'origine dell'inesattezza è pertanto da far risalire a un articolo del "Secolo XIX", me ne scuso.
    3. il post è di oltre un anno fa. La materia vien modificata molto spesso (e fortunatamente nella direzione che io personalmente auspico): basta fare una ricerca con le parole "divieto fumo spagna" e te ne puoi rendere conto. Molto probabilmente, leggendo le notizie di queste settimane, fra poco più di un mese sarà il tuo commento a essere classificabile come "inesatto".

    Mi rincresce notare, infine, che i nostri concetti di "civiltà" sono assai distanti, se la normativa cui fai riferimento è per te da prendere come modello... Grazie comunque per il tuo contributo. A presto!

    MAI PIÙ NEMMENO UN TIRO!

    RispondiElimina

Sono ancora qui, felicemente non fumatore ormai da 8 anni, 4 mesi e 17 giorni.

Qualcuno mi ha scritto chiedendomi che fine avessi fatto e la cosa mi è garbata parecchio, lo confesso. Sono ancora qui, felicemente non f...