venerdì 14 maggio 2010

La sigaretta elettronica


Sarà, ma questa storia della sigaretta elettronica non mi convince...
A cosa serve? Perché dovrei spendere tutti quei soldi?

La sigaretta elettronica (o come diavolo volete chiamare questa lampadina da tenere accesa in bocca) è ancora più ridicola dei cilindretti assassini pieni di tabacco che ci ostinavamo ad aspirare, convinti di trarne beneficio.
Considerato che non v'è alcuna ragione valida a questo mondo per fumare (si fuma perché si è dei tossicodipendenti e nient'altro), perché mai si dovrebbe, una volta che si esce dalla dipendenza, attaccarsi a queste cose?
Perché soprattutto continuare ad assumere nicotina? La cosa mi lascia fortemente perplesso.


Ripeto: l'alternativa è fra fumare e non fumare. Non ci sono mezze misure.
Non si può parlare di vantaggi sino a quando non si è smessa la dipendenza e passare da una dipendenza all'altra (si assume nicotina con le e-cigs) non ha senso.
Insomma, mi volete convincere che mettersi delle lampadine in bocca è bello? Che aiuta? Ma un po' di amor proprio? E di buon senso...

6 commenti:

  1. dimenticavo: al primo acquisto spendi di più, è chiaro, ma poi con i filtri ammortizzi tutto, fin dalla prima volta che li prendi.

    1 filtro costa 1 euro, ed equivale a circa 10 sigarette.

    fatti i conti ti rendi conto che risparmi davvero!

    RispondiElimina
  2. La sigaretta elettronica (o come diavolo volete chiamare questa lampadina da tenere accesa in bocca) è ancora più ridicola dei cilindretti assassini pieni di tabacco che ci ostinavamo ad aspirare, convinti di trarne beneficio.
    Considerato che non v'è alcuna ragione valida a questo mondo per fumare (si fuma perché si è dei tossicodipendenti e nient'altro), perché mai si dovrebbe, una volta che si esce dalla dipendenza, attaccarsi a queste cose?
    Perché soprattutto continuare ad assumere nicotina? La cosa mi lascia fortemente perplesso.
    Informo che cancellerò o correggerò tutti i post sull'argomento che conterranno un qualche riferimento commerciale a prodotti et similia.
    Se volete farvi pubblicità a questo tipo di prodotti, siete pregati di andare a farla da qualche altra parte. Non qui. Grazie.

    RispondiElimina
  3. chiaramente smettere di fumare del tutto sarebbe la soluzione migliore.

    però tante volte non se ne riesce ad uscire e un prodotto di questo tipo può essere una valida alternativa in quanto oltre a non essere dannoso per il fisico ha anche numerosi altri vantaggi (puoi fumare dove vuoi, non sporca, non puzza, il costo).

    morale: se proprio non riesce a smettere passando a questi se non altro si prende cura di se stesso e delle persone che ha attorno... e scusa se è poco!

    RispondiElimina
  4. Ripeto: l'alternativa è fra fumare e non fumare. Non ci sono mezze misure.
    Non si può parlare di vantaggi sino a quando non si è smessa la dipendenza e passare da una dipendenza all'altra (si assume nicotina con le e-cigs) non ha senso.
    Insomma, mi volete convincere che mettersi delle lampadine in bocca è bello? Che aiuta? Ma un po' di amor proprio? E di buon senso...

    Un'ultima considerazione, chi legge questo blog è abituato a informarsi. Vi invito a leggere, fra gli altri:
    http://wcco.com/health/new.limits.tobacco.2.1690947.html
    http://www.upi.com/Science_News/2010/05/04/UPI-NewsTrack-Health-and-Science-News/UPI-98921273009440/ (a metà pagina: andate oltre il titolino)
    e così via.

    RispondiElimina
  5. Cazzata!

    Conosco almeno 3 persone che con la sigaretta elettronica hanno ripreso a respirare e che adesso neanche la usano più. Con meno di 100 euro si sono liberati dal vizio, ma tu insisti ancora con sta cazzo di lampadina in bocca. Sei proprio paranoico sai!?

    Ma non vedi che il tuo blog non se lo caga nessuno?

    Perché non ti trovi un hobby anziché gettare fango sulle cose che funzionano veramente?

    Mi sembri uno di quegli sfigati New Age che vogliono convincere la gente che le favole esistono. 1 su 1000 ce la fa a smettere da soli, ma altri no. Si beccano il cancro e muoiono e su questo non ci scherzo. perché sono stato anch'io un fumatore e vedo gente soffrire...alro che basta volerlo!

    Vai a raccontare le tue barzellette in ospedale e vedi come ti rispondono.

    Ci sono centinaia di aziende in Europa che investono su questo prodotto e secondo te perhé? Perchè è una fregatura? Dal 2006 oggi l'avrebbero capito che è una fregatura, se lo fosse veramente, ma invece non è cosi.

    Secondo me un giorno ti beccherai qualche denuncia, stai facendo troppa disinformazione e diffami delle aziende che non c'entrano un cazzo con te.

    Continua così, vedrai dove andrà a finire la lampadina.

    RispondiElimina
  6. Arieccoli!

    Ricapitoliamo, anche per chi non è un fumatore, come la (poco) gentile lettrice, quali sono i fatti al centro di questa vicenda.

    La sigaretta elettronica è stata inventata da Hon Lik, un medico cinese, nel 2003. L'anno seguente ha iniziato a essere venduta. Nel 2006 la stessa ditta cinese (Golden Dragon Holdings, che poi ha cambiato nome in Ruyan) ha cominciato a venderla negli USA.

    A tutt'oggi nessuna organizzazione internazionale, WHO e FDA in testa, hanno validato la sigaretta elettronica come strumento per smettere di fumare. Anzi, insistono tutti sul fatto che non esistono studi sufficientemente approfonditi al riguardo e che si tratta pur sempre di una droga (la nicotina) e un apparato per assumerla.

    Potete trovare tutte le informazioni del caso in rete. Io ho citato Wikipedia, ma non pretendo di essere esaustivo.

    Le aziende che "producono" le sigarette eletroniche sono poche e non mi sembra che brillino per le spese di ricerca (ma la mia è solo un'opinione). Fra l'altro, due di loro negli USA stanno facendo il casting per un reality di gente che vuole smettere di fumare.
    Se inizi a fumare adesso, magari ce la fai a partecipare. Potevi almeno fingere di averla provata o di avere smesso con lei.

    Smettere di fumare da soli è quello che succede in oltre il 90% dei casi. Se per vendere i tuoi giocattoli vuoi giocare con la pelle delle persone, accomodati. Ma non ti sorprendere se qualcuno attorno a te se ne accorge.

    Un'ultima osservazione: nonostante la tua attività, sei pregata (Loredana o qualunque sia il tuo vero nome) di usare un linguaggio meno volgare nei tuoi commenti, almeno su questo blog. Grazie.

    RispondiElimina

Sono ancora qui, felicemente non fumatore ormai da 8 anni, 4 mesi e 17 giorni.

Qualcuno mi ha scritto chiedendomi che fine avessi fatto e la cosa mi è garbata parecchio, lo confesso. Sono ancora qui, felicemente non f...